Pisano e Viganò vincono il "rodeo": a Sesto uno showcase per conoscere il sistema americano

Pisano e Viganò vincono il "rodeo": a Sesto uno showcase per conoscere il sistema americano

Sabato 25 e domenica 26 settembre 2021, sui campi del Tennis Club Sesto, sono andati in scena un torneo rodeo e uno showcase per conoscere meglio il sistema americano e scoprire tutto ciò che riguarda college, test d’ingresso e borse di studio. Titolo maschile a Lorenzo Pisano, bravo ad imporsi su Ludovico Manessi con lo score di 4-2 0-4 13/11; nel femminile successo per Elisa Viganò.

Elisa è nata il 18 aprile del 2004 a Borgomanero, in provincia di Novara. Il suo amore per il tennis nasce presto. È piccola, Elisa, quando insieme al fratello inizia a veder giocare il papà, sempre più incuriosita da racchetta e palline. Basta una volta per scegliere di non uscire più da questo universo, allo stesso tempo così strano e così affascinante. “I primi passi lo ho fatti sui campi dell’ASD Tennis Omegna – racconta la giovane tennista piemontese – mentre adesso mi alleno a Novara. Frequento il quarto anno di un liceo scientifico tradizionale ma sento che è arrivato il momento di iniziare a guardare avanti per capire cosa fare della mia vita. Ultimamente ero alla ricerca di tornei da poter disputare e sono venuta a conoscenza del “rodeo” che si sarebbe tenuto a Sesto San Giovanni. Sono contenta di aver vinto ma soprattutto di aver giocato bene. Lo showcase StAR? È stato molto interessante! L’idea di vivere un’esperienza negli Stati Uniti mi affascina e sapevo che avrei potuto mettere da parte diverse informazioni utili come quelle legate ai test d’inglese e alle borse di studio. Alcuni amici hanno già intrapreso questo tipo di percorso e confrontandomi con loro ho capito che occasioni di crescita di questo tipo passano una sola volta nella vita. In America far coincidere studio e sport ad alto livello è possibile ed esistono così tante università che si trova sempre quella giusta per te”.

Lorenzo, invece, è classe 2003. È nato a Milano il 14 febbraio e il tennis l’ha scoperto nel circolo di Cusano. “Papà giocava contro il muro – sorride Lorenzo – e una volta gli ho chiesto di accompagnarmi a giocare per capire qualcosa in più. Ho provato e mi è piaciuto subito. Avevo dieci anni se non ricordo male”. Dopo un lungo periodo a Cusano il trasferimento prima a Sesto San Giovanni, quindi a Monza. “Frequento il quarto anno al Casiraghi, un liceo scientifico tradizionale, nel frattempo continuo ad allenarmi e a giocare il più possibile. I due giorni vissuti al torneo “rodeo” sono stati intensi e ricchi di nuove scoperte, soprattutto per quel che riguarda il mio futuro. Agli Stati Uniti ci penso spesso, so bene che potrebbero rendermi nel tempo una persona migliore, oltre che un atleta migliore. Mi piacerebbe studiare ingegneria aerospaziale e StAR mi ha fornito diverse informazioni necessarie al fine di potersi approcciare ad un cambio vita così radicale. Gli States sono una grande opportunità che valuterò con calma durante il mio ultimo anno di liceo. Viaggiare, conoscere nuove culture, studiare e giocare a tennis: difficilmente potrei chiedere di meglio”.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *